Ciclocross: tutti i campioni nazionali

09.01.2017

Dopo la scorpacciata di prove a cavallo di Natale e Capodanno, la stagione del ciclocross entra nella sua fase finale rallentando un po'. Con le classifiche delle tre challenge principali ormai pressochè delineate, da oggi infatti gli occhi sono tutti puntati sui mondiali di Bieles, che si disputeranno in Lussemburgo il 28 e 29 di gennaio. Prima di buttarsi nel finale di stagione, però, l'inizio dell'anno ha assegnato le nuove maglie di campioni nazionali. Un lungo weekend di corse in tutto il mondo che ha confermato alcuni titoli e regalato nuove maglie dai colori della bandiera.

Si parla di ciclocross e non si può cominciare dal Belgio, in quello che è ritenuto il campionato nazionale più importante di tutti. Per almeno 20 giorni ancora non vedremo la driekleur in mezzo al gruppo, infatti il campione belga è nuovamente Wout Van Aert, uno che la maglia tricolore può coprirla con una -ben più importante- con i colori dell'iride. Van Aert ha annichilito la concorrenza sul bellissimo percorso di Oostende, tra rampe a capofitto e riflessi del Mare del Nord: il campione di Herentals si è esibito nel più classico "a solo", attaccando già dal primo giro e rivedendo gli avversari sul podio. 20" di vantaggio al primo passaggio, 40" a quello successivo... il resto è stata ordinaria amministrazione. Van Aert ha vinto sollevando la sua nuova Felt al cielo, al suo fianco sul podio Kevin Pauwels e Laurens Sweeck. Nelle altre categorie si conferma campionessa anche Sanne Cant, davanti a Ellen Van Loy e Jolien Verscheuren, così come resta imbattibile Quinten Hermans tra gli under23.

Il trionfo di Van Aert era per molti prevedibile come risposta a quanto accaduto un'ora prima oltrefrontiera, a Sint-Michielsgestel, dove Mathieu Van der Poel ha riconfermato il suo titolo di campione nazionale dei Paesi Bassi per il terzo anno consecutivo. Il fenomeno olandese, che rientrava in gara dopo la spaventosa caduta di Loenhout, ha dimostrato di aver conservato un'ottima condizione sbarazzandosi senza troppe difficoltà della concorrenza. Gli unici in grado di avvicinarsi sono stati Corne Van Kessel e il giovanissimo Joris Nieuwenhuis, terzo al traguardo ma neo-campione tra gli under23 poichè la prova è stata disputata senza distinzioni di categoria. Tra le donne torna alla vittoria invece Marianne Vos, che ha impiegato pochi giorni per riprendere confidenza con il ciclocross dopo lungo tempo ed è già tornata ai massimi livelli: per la Cannibale di 's-Hertogenbosch si tratta della sesta maglia tricolore in carriera.

La prossima settimana la Coppa del Mondo ritornerà in Italia (a Fiuggi) e ad accoglierla ci saranno due tricolori riconfermati, dopo il weekend di grande ciclocross che si è tenuto a Silvelle di Trebaseleghe (PD). Il campione italiano di ciclocross è ancora Gioele Bertolini, che ha avuto la meglio su Marco Aurelio Fontana e Luca Braidot al termine di una prova velocissima e senza esclusione di colpi, con un ultimo giro tutto scatti e spallate che ha esaltato il numeroso pubblico presente. Si conferma anche Eva Lechner in campo femminile, affiancata sul podio da Alice Maria Arzuffi e Alessia Bulleri, mentre il nuovo tricolore under23 è Jakob Dorigoni.

Nel resto d'Europa tornano a vincere Julien Taramarcaz in Svizzera e Marcel Meisen in Germania, mentre arriva il primo titolo ceko per Michael Boros. Molto avvincente è stata la prova francese di Lanarvily, dove Clément Venturini è riuscito a conquistare la sua prima maglia tricolore dopo un lungo braccio di ferro con Arnold Jeannesson, mentre sul terzo gradino del podio è salito un "grande vecchio" come John Gadret. Vittorie infine per Felipe Orts in Spagna, Ian Field in Gran Bretagna e Stephen Hyde negli Stati Uniti.

In campo femminile non si può non sottolineare l'impresa della statunitense Katie Compton, che tra le nevi di Hartford (Connecticut) si è aggiudicata il suo tredicesimo titolo consecutivo. Un'impresa difficilmente eguagliabile, che cercheranno di avvicinare negli anni a venire le altre campionesse nazionali europee: Caroline Mani (Francia), Nikki Harris Brammeier (Gran Bretagna), Christine Majerus (Lussemburgo), Pavla Havlíková (Repubblica Ceca), Jessica Lambrecht (Germania), Alicia Gonzalez (Spagna) e Jasmin Egger-Achermann (Svizzera).