La Ghisallo, la ciclostorica della Lombardia

21.06.2016

Ancora pochi giorni di attesa per la prima edizione della Ciclostorica "La Ghisallo", in programma il prossimo 3 luglio. Confermata la partenza dal Velodromo Vigorelli di Milano, il tempio dei record; arrivo al Museo del ciclismo Madonna del Ghisallo a Magreglio, palcoscenico del ciclismo di tutti i tempi, luogo sacro ed irrinunciabile per gli amanti delle due ruote.
 
Se la fama del Santuario del Ghisallo è di portata mondiale, Il Museo del Ciclismo proprio lì accanto, mantiene viva la memoria storica del ciclismo di tutti i tempi: il tutto sù, al Colle. Un luogo magico.
 
Due i percorsi, il “lungo” da 110 km, per i più allenati, ed il “corto” da 30 km.
Partenza dal Vigorelli - passaggio dal centro di Milano - ciclovia del Naviglio fino a Trezzo - pista ciclabile dell'Adda - ricongiungimento a Lecco - arrivo al Ghisallo.
I primi 10 km circa, comuni a entrambi i percorsi, si svolgono attraverso il centro di Milano, seguendo un tracciato di sicuro fascino storico-culturale.
 
Al nastro di partenza un ospite mai dimenticata, Mary “Supersprint” Cressari, soprannominata la “Merckx in gonnella”, campionessa italiana degli anni ’70 di inseguimento su pista che, fra gli altri, stabilì, nel 1974 il record mondiale sui 100 km proprio al Vigorelli. Per l’occasione, porte aperte all’officina di Alberto Masi collocata da sempre negli spazi sottostanti
gli spalti del velodromo. La pedalata si dirigerà verso il Castello Sforzesco attraverso il Parco Sempione passando per l’Arco della Pace per proseguire per Via Solferino ed avvicinarsi alle nuove architetture contemporanee di Piazza Gae Aulenti, dove, poco lontano, sarà collocato il primo ristoro.
 
Da qui, gli iscritti al percorso “corto”, proseguiranno con mezzi propri o mezzi pubblici verso Lecco, dove risaliranno in sella e percorreranno in bicicletta il secondo tratto verso il Colle del Ghisallo, via I protagonisti del “lungo”, proseguono verso Trezzo sulla ciclovia del Naviglio della Martesana, intitolata alla memoria di Luigi Riccardi, fondatore di Ciclobby Milano e storico Presidente Fiab, per poi procedere verso Lecco lungo la ciclovia che costeggia il fiume Adda, sino a Lecco. Un'arrivo importante quello di Lecco, in piazza Garibaldi messa a disposizione esclusiva de La Ghisallo dall’Amministrazione Comunale. Dal Lungolago, la carovana scatterà verso il Ghisallo, toccando Malgrate e Onno. Qui si attacca la Valbrona., lasciando il bivio di Asso, verso destra, per gli ultimi 8 chilometri di falsopiano e salita finale di 1,5 km dall'abitato di Barni, per la Madonna del Ghisallo.
 
I ristori
Quante soste? Tante. Fanno parte della tradizione. Si comincia da Milano, a seguire Gorgonzola, Trezzo d’Adda, Imbersago (rifornimento idrico), Lecco, Valbrona (rifornimento idrico) ed infine al Ghisallo, dove si accenderà il pasta party finale.
 
La corsa alle iscrizioni ed il trasporto bici
A tutti coloro che stanno prenotando il servizio all'atto dell'iscrizione, l'organizzazione assicura il trasporto gratuito delle biciclette al termine della manifestazione, fino al Vigorelli. E' un altra esclusiva de "La Ghisallo".
 
Eventi
"La Ghisallo" è sport puro, cultura della bicicletta, sincera amicizia. E' la missione condivisa dal paese di Magreglio che si animerà di numerose iniziative. Già dalla mattinata di sabato, aprirà tra i vicoli e le stradine del paese Il mercatino vintage. Un omaggio a "La Ghisallo". Per gli appassionati indomabili è prevista nel pomeriggio di sabato 2 luglio, una pedalata
commemorativa al Muro di Sormano con partenza dal Ghisallo. Ad attendere i partecipanti ai piedi della salita ci sarà un ospite speciale, unico: Imerio Massignan. A lui, in serata, sarà conferita la cittadinanza onoraria da parte del Comune di Sormano alla presenza delle autorità presso il Museo del Ciclismo al Ghisallo, con il supporto dell'intera comunità di Magreglio.

 
Per informazioni ed iscrizioni:
www.laghisallo.it - info@laghisallo.it
+39.392.9208383
facebook.com/laghisallo/
@laghisallo