I "diavoli" di Bartali raccolti in un libro

06.05.2016

A sedici anni esatta dalla morte di Gino Bartali, scomparso il 5 maggio del 2000, Ediciclo Editore pubblica un nuovo libro di Marco Pastonesi dedicato alla figura di Ginettaccio, racontato da chi gli correva insieme, contro e soprattutto dietro.
 
Diciassette anni dopo "Gli angeli di Coppi" Marco Pastonesi taglia il traguardo con "I diavoli di Bartali". Un libro che è un gran premio della montagna pedalato fra camere d’albergo, su strade sterrate, con bici antiche, memorie, dettagli, sentimenti attorno a una delle figure più amate dello sport italiano di tutti i tempi.
 
Bartali era Garibaldi in bicicletta: un eroe nazionalpopolare, un eroe dei due mondi, il Giro d’Italia e il Tour de France. Tanti, se non tutti, e non solo nel ciclismo, hanno un loro Bartali: un giorno, una notte, un viaggio, una salita, un fiasco, una profezia. Marco Pastonesi va alla ricerca di quel Bartali personale, privato, segreto, nelle testimonianze dei corridori. Bartali diventa quindi una pietra miliare, uno striscione, una fontana o un tubolare, una scusa per ritrovare altre storie e avventure, quelle di capitani e, soprattutto, gregari, mai conosciuti fino in fondo, ma confinati soltanto in un nome e cognome che affollavano ordini d’arrivo o classifiche generali: da Fiorenzo Magni ad Alfredo Martini, da Ferdy Kubler a Raphael Geminiani, da Giovannino Corrieri a Renzo Zanazzi, e poi i quasi anonimi faticatori del pedale, come Secondo Barisone e Lino Ciocchetta, Romano Pontisso e Ubaldo Pugnaloni.
Ne è uscito un libro che tesse una trama di ricordi a due ruote, spesso mai raccontati, mai rivelati finora, forse soltanto perché mai richiesti. Un libro che sa di povertà, semplicità, sudore. E di Novecento.
 
Marco Pastonesi, ha scritto per vent’anni per la “Gazzetta dello Sport”. Si divide tra due passioni: il rugby e il ciclismo. Su quest’ultimo argomento con Ediciclo ha pubblicato: Gli angeli di Coppi. Il Campionissimo visto da chi ci correva insieme, contro ma soprattutto dietro (1999), Il diario del gregario ovvero Scarponi, Noè e Bruseghin al Giro d’Italia (2004), La corsa più pazza del mondo. Storie di ciclismo in Burkina Faso e in Mali (2007), Legnano. Biciclette, campioni, vittorie (2015, con Claudio Gregori) ha curato le biografie fotografiche su Costante Girardengo (2005) e Biagio Cavanna (2006); nel 2011 ha curato, con Fernanda Pessolano, Attenzione ciclisti in giro, vincitore del Premio Coni; nel 2014 ha affiancato Alfredo Martini nella scrittura dell’autobiografia La vita è una ruota. Storia resistente di un grande italiano. Tra le sue ultime pubblicazioni Pantani era un Dio (2014, 66thand2nd) e Diavolo di un corridore. Corse, battaglie e miracoli di Renzo Zanazzi (2015, Italica Edizioni).
 

I diavoli di Bartali
di Marco Pastonesi

ediciclo editore
pagine 160, prezzo € 15,00
in libreria da maggio 2016