Letture a pedali: Il carattere del ciclista

20.04.2016

Da oggi in libreria l'ultima fatica di Giacomo Pellizzari: quattordici ritratti di ciclisti, dai corridori attuali ai grandi campioni del passato, raccontati in base alle peculierità del loro carattere.

Ci sono l'indecifrabile e il figo, il cocciuto e il guascone, l'umile e l'antipatico. Sono solo alcuni dei caratteri raccolti con grande maestria, ironia e capacità di raccontare da parte di Giacomo Pellizzari (scrittore ed ex responsabile editoriale di Bike Channel). Nella sua nuova fatica l'autore ha individuato quattordici corridori che hanno fatto la storia del ciclismo (e ancora la fanno come Fabian Cancellara e Peter Sagan), ognuno con un carattere specifico. Un modo nuovo e divertente per scoprire qualcosa in più di questi campioni, ma anche per potersi identificare pensando a quelli che sono i nostri tratti (e le nostre manie) quando pedaliamo.
 
Il libro, che scivola via in modo piacevole per oltre 260 pagine, comincia dall'indecifrabile Gianni Bugno e si conclude con lo spaccone Lance Armstrong. Ma in mezzo ci sono anche Claudio Chiappucci, Laurent Fignon, Felice Gimondi, Bernard Hinault, Miguel Indurain, Eddy Merckx, Marco Pantani e Francesco Moser. La storia di ogni campione parte da una gara particolare o da un momento significativo della sua carriera, con Pellizzari che si immagina di essere nella testa di questi corridori e ipotizzare in molti casi i loro pensieri.
 
Quello che rimane alla fine è la piacevolezza, il rispetto e l'amore con cui questi campioni sono stati descritti e portati in modo originale sotto gli occhi degli appassionati. Rendendo questi immensi sportivi dei corridori anche profondamente umani. Come tutti noi.
 

"Il Carattere del Ciclista" sarà presentato al pubblico il prossimo mercoledì 27 aprile, alle 19:30, ad Upcycle - Milano Bike Cafè. Interverranno l'autore Giacomo Pellizzari e l'ex-corridore Claudio Chiappucci, protagonista in queste settimane di "The Finisher", il reality show di Bike Channel sul mondo del triathlon.

Luca Gregorio