Ciclista colpita dalla portiera di un’auto: morte cerebrale

16.12.2014

In sella alla sua bicicletta, stava rientrando a casa, come ogni giorno, dopo aver chiuso il suo negozio. Ma un automobilista, fermo in un parcheggio, non l’ha vista arrivare e ha aperto la portiera all’improvviso, facendola cadere a terra. Uno schianto sull’asfalto che le è stato fatale. Non ci sono più speranze per Cristina Brambilla, 52 anni, negoziante di Abbiategrasso, sposata e madre di una ragazza di 18 anni. I medici dell’ospedale Sacco, dove è stata trasferita dopo alcuni giorni di cura all’Humanitas, comunicano che «è in corso l’accertamento di morte cerebrale». Nella caduta, la donna aveva sbattuto violentemente la testa e le sue condizioni erano apparse subito gravissime.

La portiera
L’incidente era avvenuto nel tardo pomeriggio di giovedì 11 dicembre. Cristina, che gestiva col marito Ezio Tonani il negozio “Piroga Sport”, in via XX Settembre a Abbiategrasso, aveva chiuso il locale e poi aveva inforcato la bicicletta, per tornare a casa. Giunta in via Volta, era passata accanto a un’auto ferma all’altezza del civico 20. Il conducente, ignaro dell’arrivo della bicicletta, aveva aperto la portiera, facendola cadere. Un’ambulanza aveva poi portato Cristina Brambilla in codice rosso all’ospedale Humanitas, di Rozzano. I carabinieri di Abbiategrasso, che svolgono le indagini, hanno sequestrato per alcune ore la bicicletta e l’auto. Secondo le prime indagini, la donna sarebbe stata urtata dalla portiera, come spiegano i militari. Ma ora, come sempre in questi casi, sarà guerra di perizie. Gli accertamenti dovranno infatti dimostrare se la caduta sia stata provocata da un urto involontario, oppure se la donna, alla vista della portiera che si apriva, abbia sbandato e perso il controllo della bici. Non si esclude neppure la possibilità di un malore improvviso della ciclista.

Il cordoglio
«La settimana scorsa abbiamo fatto insieme le premiazioni al concorso delle vetrine e sapere quello che è successo è devastante», spiega il sindaco di Abbiategrasso, Pierluigi Arrara. «Cristina è una negoziante che ha vissuto davvero la sua città, non aveva a cuore solo il destino del suo negozio, ma partecipava attivamente a tutte le manifestazioni e era sempre disponibile al confronto. Siamo tutti vicini alla famiglia».

Fonte Corriere della Sera
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_16/automobilista-apre-portiera-desenza-guardare-ciclista-fa-volo-coma-f17b3928-851b-11e4-bef0-810da32228c1.shtml