Giro d’Italia Ciclocross: in arrivo l’11° edizione

02.10.2019

Il 2019 è stato un anno speciale per il Ciclocross. Anzi, è un anno speciale. E non solo perché i campionati europei di specialità si svolgeranno in Italia,
è un anno di consacrazione in tutto il mondo. Da Tour de France e grandi classiche sono emersi, limpidissimi, i caratteri peculiari che il ciclocross lascia in eredità ai suoi praticanti, con una chiarezza così cristallina della quale non si aveva consapevolezza dai tempi del ciclismo eroico, o quasi.
È con questi presupposti che il Giro d’Italia Ciclocross si affaccia alla sua seconda decade di vita, pronto a lanciare l’undicesima edizione 2019/2020 in un anno che segnerà la svolta della disciplina.

Nel fango, nel vento, sulla sabbia, attraverso le tempeste gelide, nella nebbia ghiacciata, in spazi angusti e scivolosi, ma anche su ampi prati asciutti saper prendere una decisione rapida è la chiave, spesso, per vincere una corsa intera.
È questo l’insegnamento più grande del ciclocross, è questo lo scenario che l’undicesima edizione del GIC propone a tutti gli appassionati del settore a partire dal prossimo 6 ottobre.

L’UNIONE FA LA FORZA
Si rinnova per l’undicesima volta la sinergia tra la rassegna rosa del fango e la Federazione Ciclistica Italiana,
sotto la cui egida si disputeranno tutte le sei tappe del calendario 2019/2020 (3 al centro, 1 al nord ovest, 2 al nord est dello stivale).
Undici edizioni in dodici anni sono uno sforzo organizzativo notevole, ma tutte le fatiche sono poca roba in confronto alla statura della figura di Romano Scotti, alla cui memoria l’intera manifestazione è dedicata.
Quest’anno, poi, l’ASD Romano Scotti non sarà sola al timone dell’avventura, che dopo qualche tempo torna in totale condivisione con altre società sportive, ben liete di mettere a fattor comune il proprio bagaglio di esperienza sotto la regia del sodalizio laziale. All’ormai habitué della MTB Leda Ferentino Bikers, presenza fissa nelle ultime tre edizioni, si affiancheranno infatti – in ordine di apparizione - la Bike Italia Tour, il GS G. Brunero 1906, la DP 66 Giant SMP Rigoni, il Team Jam’s Bike Buja e l’US. Santa Croce sull’Arno.

Il calendario invernale 2018/2019 del Giro Italia Ciclocross tingerà dunque di rosa ben 6 regioni: Lazio, Marche, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Toscana ed è strutturato nei seguenti appuntamenti, uno dei quali – il quarto per la precisione –
sarà una gara internazionale sotto l’egida dell’UCI:

– 06 ottobre: Ferentino (FR)
– 13 ottobre: Corridonia (MC)
– 27 ottobre: Cantoira (TO)
– 01 novembre: Jesolo (VE), tappa internazionale
– 03 dicembre: Buja-Osoppo (UD)
– 05 gennaio: Pontedera (PI)


PRESIDENZA FCI:
«Il Giro d'Italia Ciclocross inaugura quest'anno la seconda decade di vita.
Segno che la scommessa dell'ASD Romano Scotti è stata vinta a pieni voti.
La manifestazione fortemente voluta dalla famiglia Scotti per onorare la memoria del padre Romano e per rilanciare la più antica e nobile disciplina del fuoristrada nelle varie regioni della penisola,
ha centrato tutti gli obiettivi e preannuncia con il nuovo ciclo un ulteriore salto di qualità – osserva lusinghiero il presidente della Federazione Ciclistica Italiana e vice presidente UCI Renato Di Rocco –
Le sei tappe della nuova edizione sono distribuite equamente tra Lazio, Marche, Piemonte, Veneto (Internazionale), Friuli e Toscana.
Ben cinque precedono il Campionato Europeo di Silvelle e hanno, perciò, una funzione determinante per la selezione e la formazione della nazionale azzurra.
Il livello qualitativo, dal punto di vista tecnico e del prestigio, è cresciuto progressivamente negli anni e la sua valenza trova riscontro nel numero di campioni italiani che hanno indossato la maglia rosa.
Questi risultati sono il frutto di una passione autentica e della dedizione di chi ha sempre creduto nella vitalità del ciclocross come specialità aperta al futuro e propedeutica alla formazione pluridisciplinare del ciclista moderno.
Rinnovo, pertanto, all'ASD Romano Scotti i complimenti più fervidi, anche a nome del ciclismo italiano, ringrazio gli artefici dell'iniziativa, le istituzioni e gli sponsor che la sostengono.
Invio ai partecipanti tutti e alle società di appartenenza il mio saluto e l'augurio più caloroso».

SETTORE FUORISTRADA:
«Il Giro D’Italia Ciclocross è, nel corso degli anni, divenuto un importante punto di riferimento nel calendario nazionale del Ciclocross. Quest’anno, undicesima edizione, un altro salto di qualità, proponendo le singole tappe in 6 diverse regioni:
Lazio, Marche, Piemonte, Veneto (Internazionale), Friuli e Toscana con le prime cinque tappe concentrate prima del Campionato Europeo e si conferma pertanto manifestazione dagli alti contenuti tecnici e sportivi, assegnando anche il Titolo di Società – sono le parole di stima con cui Paolo Garniga, presidente della commissione fuoristrada della FCI saluta il GIC - Un suo punto di forza è l’aver favorito “l’espansione” del ciclocross su tutto il territorio italiano.
Il Giro D’Italia Ciclocross è anche espressione di sinergia, di gioco di squadra, di quel “fare assieme” indispensabile nello sport, di quel far sistema che ha portato a risultati davvero positivi. Un gioco di squadra ideato e portato avanti dalla famiglia Scotti, al quale dobbiamo essere tutti riconoscenti, per quanto ha fatto e per quanto farà.
Un ringraziamento per l’impegno e la competenza tecnica va al team organizzatore ASD Romano Scotti che, poggiando sull’entusiasmo e la dedizione di moltissimi volontari, sono certo confermerà ancora una volta quei contenuti spettacolari che hanno resa famosa questa manifestazione».

L’ASD ROMANO SCOTTI, REGIA DELL’11° GIC - L’A.S.D. ROMANO SCOTTI è una associazione sportiva dilettantistica, nata nel 1959 come G.S. SCOTTI, poi dedicata nel 2010 alla memoria del suo fondatore Romano Scotti.
L’ASD Romano Scotti può vantare, negli ultimi dieci anni, l’organizzazione di competizioni preminenti nel panorama italiano e internazionale.Alcune di esse sono dedicate alla memoria del fondatore Romano sotto il nome di “Memorial Romano Scotti”.
Squadra affiatata, ha il suo nucleo nella famiglia Scotti e in un gruppo di saldi amici e amanti del ciclismo.
É motivata dalla grande passione per questo sport, un amore coinvolgente che arde nei cuori da ben 4 generazioni.
Nel palmares organizzativo si citano, a mero titolo di esempio, le 11 edizioni del GIC, la Coppa del Mondo di Ciclocross nel 2013, 2014 e 2017, Il Campionato Italiano Ciclocross 2011 e 2018 e tante altre iniziative di spessore nazionale, investendo in primis anche nel settore giovanile.

IL SALUTO DELL’ASD ROMANO SCOTTI:
«Iniziamo con questa edizione la seconda decade di vita del Giro d’Italia Ciclocross, un appuntamento ai cui nastri di partenza ci presentiamo rigenerati e carichi grazie al grande affetto che ci avete dimostrato negli scorsi inverni – spiega visibilmente emozionato il vice presidente Sergio Scotti - Il ciclocross è una grande famiglia, la nostra grande famiglia: con questi presupposti i pur doverosi sacrifici non pesano, ma sono vissuti in allegria. Per questa edizione alla MTB Leda Ferentino Bikers si aggiungeranno altre blasonate società a dare manforte alla regia organizzativa dell’ASD Romano Scotti.
È per questo motivo che siamo lieti di dare il benvenuto agli organizzatori e ringraziare fortemente la Bike Italia Tour,
GS G. Brunero 1906, DP 66 Giant SMP Rigoni, Team Jam’s Bike Buja e US. Santa Croce sull’Arno, per il sacrifico organizzativo che affronteranno assieme a noi. Questa sinergia ci rende ancor di più responsabili nel fare sacrifici organizzativi, con l’obiettivo di vedere sempre più giovani atleti crescere nella disciplina del ciclocross e nella scuola della vita, per diventare, in futuro, campioni non solo del ciclismo, ma esempi per tutta la società.
Anche in questa 11° edizione i percorsi saranno estremamente variegati, impegnativi al punto giusto per poter garantire crescita tecnica e sviluppo. Che la festa abbia inizio, con spirito di amicizia e lealtà, rispetto verso i volontari, organizzatori e addetti ai lavori. Tutti coloro che entreranno in possesso di un pass del 11° GIC, di qualsiasi natura esso sia, faranno parte della numerosa famiglia del ciclocross – conclude Sergio Scotti - sentendosi in dovere di salvaguardare questa nobile disciplina e farla crescere con onore e sacrificio come sta succedendo in tutte le regioni in Italia. Buona festa a tutti».



Ufficio Stampa
A.S.D Romano Scotti


Segui gli highlights il mercoledi e il venerdi sera dopo la gara alle ore 21:15 su #bikechannel