Giro d’Italia di Handbike sempre più Green con FareAmbiente

15.04.2019

La decima edizione del Giro d’Italia di Handbike (di cui si sono corse prima e seconda tappa il 13 e il 14 aprile 2019 a Montegrotto Terme e Piove di Sacco in provincia di Padova) è sempre più ecosostenibile.

FareAmbiente, aderendo all’invito del Comitato organizzatore del Giro d’Italia di Handbike, si impegna durante le gare a prendersi cura delle aree di raccolta dei rifiuti nell’area d’arrivo e come previsto dai regolamenti sportivi, la “green zone”, area nella quale gli atleti dovranno “disfarsi” dei loro rifiuti lungo il percorso, segnalate con le vele “FareAmbiente”.

I volontari di FareAmbiente saranno a disposizione dei tifosi e appassionati di tutte le età, innamorati dello spettacolo sportivo che il Giro d’Italia di Handbike offre, fornendo informazioni e consigli su come ridurre la produzione di rifiuti, il riuso e il riciclo.

Sono inoltre previste iniziative di sensibilizzazione in collaborazione con gli organizzatori di tappa: i volontari di FareAmbiente nel green point, illustreranno il modello di ambientalismo moderno e ragionevole proprio di FareAmbiente, costituito di semplici buone pratiche e comportamenti per vivere l’ambiente in libertà ma con rispetto: dall’importanza di non abbandonare rifiuti durante le escursioni al fare attenzione all’habitat naturale.

L’auspicio di Luigi Dalla Pozza, responsabile di FareAmbiente, è quello di “riuscire a far comprendere come solo attraverso piccoli gesti quotidiani collettivi si può dar vita ad un cambiamento culturale sociale, ciò di cui il nostro pianeta ha bisogno. Non è più tempo di parlare di raccolta differenziata ma è necessario limitare la produzione a monte se si vuole davvero contribuire a mantenere un ambiente vivibile”.

Prossimi appuntamenti, tra sport e sostenibilità ambientale, con le tappe: TIRANO (1° maggio); CHIVASSO (16 giugno); CASTEL DI SANGRO (14 luglio); ASSISI (29 settembre); BUSTO ARSIZIO (8 settembre); BERGAMO (13 ottobre).