Bicicletterario: un'edizione da record

17.01.2017

E' giunto ormai alla sua terza edizione il premio "Il Bicicletterario - Parole in bicicletta", l'unico premio letterario dedicato esclusivamente alla bici e al suo mondo. Il premio è stato ideato dal Co.S.Mo.S. (Comitato Spontaneo Mobilità Sostenibile) di Minturno (Latina) nell'ottobre 2014, con l'obiettivo di ampliare il discorso sulla bicicletta e sulla mobilità sostenibile. Lo scopo del Bicicletterario è infatti sensibilizzare quante più persone possibile alla mobilità sostenibile e in particolare all'uso quotidiano della bicicletta, attraverso l'espressione letteraria. Con le arole in bicicletta vuole premiare bambini, ragazzi e adulti (siano essi scrittori acclamati o poeti e narratori in erba) che abbiano qualcosa da raccontare in proposito.

Nel corso dei due anni passati il proposito di incentivare la produzione di letteratura inedita sulla bicicletta ha trovato numerosissimi sostenitori e ha visto il formarsi di schiere di autori, che con passione ed entusiasmo hanno condiviso i propri versi o le proprie narrazioni in prosa aventi come tema centrale la nostra amata due ruote a pedali: 232 autori per la prima edizione, oltre 400 per la seconda, che ha toccato 68 province in 18 regioni italiane, oltre a 6 paesi esteri. E la nuova edizione, lanciata già da qualche mese, sta superando ogni record di adesioni, con opere che giungono da tutta Italia e persino dall'estero, tanto che l'organizzazione ha deciso di prorogare la scadenza del bando – inizialmente prevista e per il 20 gennaio – al 20 febbraio 2017: un mese in più dunque per chi vorrà cimentarsi con la scrittura creativa a tema bici. La decisione è maturata in seguito all'esigenza di concedere maggior tempo alle scuole e in generale ai bambini e ragazzi: oltre alla sezione adulti, infatti, come per le passate edizioni, esistono sezioni specifiche per giovani e giovanissimi.

"Il Bicicletterario" è un'iniziativa che coniuga l'ecosostenibilità di un mezzo di trasporto nato "perfettamente perfetto" - come ricorda una giovanissima partecipante - e la voglia di scrivere, e di leggere; il desiderio e l'esigenza di focalizzare l'attenzione sulla possibilità di un mondo a misura d'uomo utilizzando un mezzo d'espressione artistica che, forse più di ogni altro, evoca il viaggio. Attraverso l'espressione letteraria, si vuole parlare di bicicletta, delle sue molteplici declinazioni, dei sentimenti che suscita, dei ricordi che evoca, del futuro che può aiutare a costruire. La partecipazione è quindi aperta a tutti, e assolutamente gratuita.

La scadenza per la terza edizione, come detto, è stata prorogata al prossimo 20 febbraio. A valutare gli scritti ci penserà una giuria di qualità, presiduta dallo scrittore e cicloviaggiatore Emilio Rigatti e composta da nomi importanti del settore, tra cui il celebre giornalista/scrittore Marco Pastonesi, l'ex-direttore de "Il Male" e "Frigidaire" Vincenzo Sparagna, la scrittrice Isabella Borghese e i giornalisti Manuel Massimo e Guido Rubino

Per partecipare è sufficiente inviare un componimento in versi oppure un racconto o miniracconto (rispettivamente: max 7200 battute e max 1800 battute, spazi inclusi), che siano inediti, a tema bicicletta, all'indirizzo email: bicicletterario@gmail.com
E’ possibile consultare e/o scaricare il bando a questo link.
Tutte le altre informazioni, così come la storia del Premio, sono sul sito ufficiale www.bicicletterario.blogspot.it