Il grande ciclismo riparte dalla Vuelta a Burgos

28.07.2017

Tra il Tour e la Vuelta, l'estate del ciclismo, un tempo stagione di appuntamenti importanti, si riempie di piccole corse a tappe, tra Spagna, Portogallo, Belgio e Norvegia. La Vuelta a Burgos, giunta alla sua 39ª edizione è sicuramente una delle più affascinanti, vuoi per la storia che comincia ad acquisire una sua consistenza, vuoi per un albo d'oro tutt'altro che minore (basti guardare gli ultimi 10 anni, riportati qui in fondo), vuoi soprattutto perchè si comincia a respirare aria di Spagna, di Vuelta - quella vera, che prende il via solo due settimane dopo la prova castellanoleonesa.

Il percorso sembra guardare soprattutto agli scalatori. Dopo due tappe leggermente ondulate, adatte agli sprinter ma anche ai colpi di mano (così come la quarta frazione attraverso la Ribera del Duero), la corsa vivrà la sua giornata decisiva giovedì 3 agosto con l'arrivo in salita ai 1486 metri di Picón Blanco, dieci chilometri con pendenze spesso intorno al 9/10%. Tappa fondamentale, ma non per forza definitiva, perchè il verdetto sarà pronunciato solo sul traguardo finale, con il classico arrivo in salita di Nelia, che per la frazione conclusiva di questa Vuelta a Burgos è stato spostato sino ai 1824 metri delle Lagunas: una salita regolare ma di ben 12 chilometri, ideale per i fuochi d'artificio conclusivi. 

La lista dei partenti è ricca di buoni nomi: con i grandi campioni in ferie dopo le fatiche del Tour e i capitani in fase di rifinitura per l'imminente Vuelta, a Burgos arrivano tante seconde punte, con una preponderanza naturale verso gli spagnoli. Al via ci saranno dunque Luis León Sánchez, Marc Soler, Omar Fraile, Igor Anton, David De La Cruz e Sergio Pardilla, ma la presenza di alcuni degli squadroni del World Tour rendere la lista dei partenti ulteriormente interessante. Occhio dunque a Julian Alaphilippe, fresco di rientro alle corse, e a Peter Kennaugh, alla guida di una Sky ambiziosa, senza escludere tre talenti italiani come Diego Rosa, Gianni Moscon, Matteo Trentin.

La Vuelta a Burgos 2017 sarà trasmessa in diretta esclusiva da Bike Channel, canale Sky 214, ogni giorno dal 1° al 5 agosto alle 15:30, con la telecronaca di Paolo Mei. Il meglio della corsa verrà riproposto in uno speciale unico, in onda in prima serata il prossimo 3 settembre.


 


Le tappe:
Martedì 1 agosto. 1ª tappa: Burgos - Burgos [151 km]
Mercoledì 2 agosto. 2ª tappa: Oña – Belorado [153 km]
Giovedì 3 agosto. 3ª tappa: Ojo Guareña – Picón Blanco [198 km]
Venerdì 4 agosto. 4ª tappa: Bodegas Nabal (Gumiel de Izán) – Ciudad Romana de Clunia [147 km]
Sabato 5 agosto. 5ª tappa: Comunero de Revenga – Lagunas de Neila [136 km]

Squadre partecipanti (e attesi protagonisti):

Astana (Luis León Sánchez, Paolo Tiralongo, Jesper Hansen, Pello Bilbao);
Movistar (Marc Soler, Daniel Moreno, Carlos Barbero, Rubén Fernandez);
Dimension Data (Omar Fraile, Igor Anton, Merhawi Kudus, Ben King);
Sky (Diego Rosa, Peter Kennaugh, Gianni Moscon, Kenny Ellissonde);
Quick-Step (Julian Alaphilippe, David De La Cruz, Matteo Trentin, Eros Capecchi);
Vlaanderen - Topsport (Kenny De Ketele, Maxime Farazijn, Thomas Sprengers);
Caja Rural (Sergio Pardilla, Jaime Rosón, David Arroyo, Lluís Guillermo Mas);
Gazprom-RusVelo (Sergey Firsanov, Alexander Folofirov, Ivan Rovny, Dmitriy Kozonchuk);
Manzana - Postobon (Jetse Bol, Ricardo Vilela, Aldemar Reyes);
Nippo - Vini Fantini (Iuri Filosi, Pierpaolo De Negri, Alessandro Bisolti;
Direct Énergie (Romain Sicard, Alexandre Pichot, Ryan Anderson, Fabien Grellier);
Cofidis (Yoann Bagot, Loic Chetout, Jerome Cousin, Anthony Perez);
Fortuneo (Francis Mourey, Eduardo Sepulveda, Arnold Jeannesson, Kevin Ledanois);
Delko - Marseille (Daniel Diaz, Mauro Finetto, Rémi Di Grégorio, Mikel Aristi);
Aqua Blue (Adam Blythe, Lasse Norman Hansen, Lawrence Warbasse);
Roompot - Oranje Peloton (Pieter Weening, Martijn Budding, Raymond Kreder);
Burgos-BH (Pablo Torres Muiño, Igor Merino, Ibai Salas);
Murias - Taldea (Aitor Gonzalez, Ander Barrenetxea, Aritz Bagues).

Albo d'oro recente:
2007 - 1. Mauricio Soler, 2. Alejandro Valverde, 3. Carlos Castaño;
2008 - 1. Xabier Zandio, 2. Iñigo Landaluze, 3. Walter Pedraza;
2009 - 1. Alejandro Valverde, 2. Xavier Tondo, 3. Tom Danielson;
2010 - 1. Samuel Sánchez, 2. Ezequiel Mosquera, 3. Vincenzo Nibali;
2011 - 1. Joaquin Rodríguez, 2. Daniel Moreno, 3. Juan José Cobo;
2012 - 1. Daniel Moreno, 2. Sergio Henao, 3. Esteban Chaves;
2013 - 1. Nairo Quintana, 2. David Arroyo, 3. Vincenzo Nibali;
2014 - 1. Nairo Quintana, 2. Daniel Moreno, 3. Janez Brajkovic;
2015 - 1. Rein Taaramae, 2. Michele Scarponi, 3. Daniel Moreno;
2016 - 1. Alberto Contador, 2. Ben Hermans, 3. Sergio Pardilla.