Valtellina: due ruote e una bicicletta!

06.07.2017


La Valtellina può essere scoperta in sella alla propria bicicletta grazie ai numerosi itinerari che si snodano lungo tutto il territorio. È possibile ammirare il panorama del fondovalle percorrendo il Sentiero Valtellina, che si snoda per ben 114 chilometri seguendo il corso del fiume Adda e la Ciclabile della Val Chiavenna, un percorso che parte dalla Val Bregaglia, nel punto di confine tra Italia e Svizzera, in cui è possibile cogliere i segni del connubio tra questi due territori. Scendendo lungo la ciclabile si incontrano il piccolo borgo di Piuro, le cascate di Acquafraggia e lo storico Palazzo Vertemate. I due tracciati per lo più pianeggianti o con pendenze lievi, sono alla portata di tutti, anche di famiglie con bambini. Si può scegliere anche di percorrerne solo un breve tratto, fermandosi per un pic-nic in una delle numerose aree di sosta.

La ferrovia corre parallela per buona parte dei due tracciati, si può quindi arrivare e ripartire in treno con il progetto "Train&Bike" pensato per il periodo estivo. L’offerta nasce dalla collaborazione con Trenord e i Consorzi della Media Valtellina e di Sondrio per il noleggio delle bici. "Valtellina Rent a bike", è il servizio che mette a disposizione per il noleggio oltre 200 mezzi tra biciclette, mountain bike, city bike, e-bike a pedalata assistita, tandem, carrelli per il trasporto dei bambini e altri accessori in sei diversi punti di noleggio su tutto il territorio valtellinese.

Spettacolari panorami possono essere ammirati dai più sportivi percorrendo sia i 70 km della Via dei Terrazzamenti, sia la ciclabile "Sentiero Rusca", itinerario divertente e affascinante, percorribile sia in salita (da Sondrio) che in discesa (dalla Valmalenco). Il percorso si estende per 32 km in cui ci si trova circondati da scorci di rara bellezza offerti dalla natura e dai paesaggi circostanti. Il sentiero è intervallato da numerose aree di sosta e da una capillare segnaletica che indica le direzioni, le distanze, i tempi di percorrenza e alcuni cenni storici.

Non solo strada, ma anche ricerca di adrenalina pura e divertimento. Con la mountain bike e un pizzico di spericolatezza, la Valtellina si trasforma in un'immensa palestra a cielo aperto. Per i biker più spericolati, ci sono anche i bike park. A Livigno si trovano il leggendario Mottolino Bike Park e il Carosello 3000. A Bormio troviamo il Bormio Bike, in Aprica il Bike park/Skill center (adatto anche ai più piccoli) e infine, in Valmalenco, c’è il bike Park Palù e a Madesimo il Madbike.

Per chi vuole mettersi in competizione con se stesso ed emulare i professionisti, ci sono le leggendarie salite che hanno fanno la storia del Giro d'Italia: Stelvio, Gavia Mortirolo. Il ciclismo su strada è anche un'occasione per stare insieme e farsi il tifo a vicenda.

E se l'appetito viene pedalando, la Valtellina è un territorio tutto da assaporare! Tradizione e cultura si fondono nella varietà di prodotti tipici da gustare anche a tavola. Numerosi quelli che si fregiano dei marchi europei di qualità e di origine: la Bresaola della Valtellina IGP, il Bitto DOP, il Valtellina Casera DOP, le Mele di Valtellina IGP, i preziosi Vini DOC e DOCG e ora anche i Pizzoccheri IGP.

Lasciatevi conquistare da un’esperienza extra sensoriale e venite a visitare la Valtellina. Per maggiori informazioni: www.valtellina.it