Tour de Suisse: un'edizione indimenticabile

19.06.2017

Il Tour de Suisse 2017, vinto da Simon Špilak, è stata una corsa indimenticabile. Grandi protagonisti del ciclismo internazionale hanno esultato sui traguardi parziali, e grandi distacchi sono maturati tra montagne e cronometro, disegnando una classifica finale con numeri da Grande Giro. Una classifica in cui si ritrovano con piacere i colori italiani, con Damiano Caruso sul secondo gradino del podio e Domenico Pozzovivo quarto, ma trionfatore del tappone di La Punt.

A dominare la corsa è stato lo sloveno Simon Špilak, già vincitore del Tour de Suisse nel 2015 e vero mattatore delle corse a tappe in terra elvetica. Delle dodici vittorie ottenute tra i professionisti dal capitano della Katusha, infatti, ben sette sono avvenute in Svizzera, con i due Tour de Suisse che vanno ad aggiungersi al Tour de Romandie conquistato nel 2010. Lo sloveno ha annichilito la concorrenza con un colpo solo, l'incredibile attacco prolungato sul ghiacciaio di Sölden, dove si è lanciato all'assalto della maglia gialla insieme al compagno Rein Taaramäe resistendo al ritorno degli avversari per 10 chilometri di salita in alta quota.

Sul podio con Špilak sono saliti un ottimo Damiano Caruso, mai così vicino al colpaccio grazie ad un rendimento costante dalla prima all'ultima tappa, e l'olandese Steven Kruijswijk, che sta piano piano riemergendo dai problemi che l'hanno costretto al ritiro all'ultimo Giro d'Italia. Ma tra i protagonisti della settimana non si possono non individuare due campionissimi come Philippe Gilbert e soprattutto Peter Sagan. Il vallone è rientrato in corsa dopo l'infortunio di primavera e ha saputo subito farsi notare con un gran numero alla prima tappa in linea, a Cham, ultima vittoria in maglia tricolore prima di tornare a difendere il titolo il prossimo weekend. Il campione del mondo ha invece firmato l'ennesima doppietta, battendo gli avversari allo sprint con irridente facilità e salendo al record di 15 vittorie di tappa in sette anni al Tour de Suisse.

La condizione di Sagan è probabilmente la più importante indicazione che lascia la corsa svizzera in ottica Tour de France. Con i grandi della generale tutti impegnati al Delfinato, a parte il povero Miguel Ángel López, costretto al ritiro dall'ennesima caduta, la corsa elvetica ha detto quello che tutti si aspettavano, che il favorito per la maglia verde di Parigi sarà ancora lui, per il sesto anno consecutivo.

Il Tour de Suisse 2017 è stato infine un'edizione da record per Bike Channel, con un aumento di ascolti del +53% nel giorno medio rispetto all'edizione del 2016. 150'000 spettatori medi hanno seguito la corsa, trasmessa in diretta in HD dal 10 al 18 giugno, arrivando a toccare un picco di 0,41% di share nazionale (individui 4+). A trascinare le nostre dirette verso cifre da record sono stati una corsa spettacolare, con grandi protagonisti del ciclismo internazionale, ma anche un nuovo stile di conduzione, che ha messo al centro i grandi nomi dell'industria ciclistica italiana, che di giorno in giorno hanno affiancato al commento lo speaker Alessandro Brambilla. Uno stile che proseguirà anche nei prossimi eventi live, con nuovi ospiti dalle aziende e dalle realtà di riferimento del nostro ciclismo.


Classifica finale:
01. Simon Špilak 28h37'11"
02. Damiano Caruso a 48"
03. Steven Kruijswijk a 01'08"
04. Domenico Pozzovivo a 02'37"
05. Rui Alberto Faria da Costa a 03'09"
06. Jon Izaguirre a 03'51"
07. Mathias Frank a 04'
08. Marc Soler a 04'14"
09. Mikel Nieve a 04'47"
10. Pello Bilbao a 05'30"

Le cifre del Tour de Suisse 2017 su Bike Channel, canale Sky 214:
+53% ascolto medio rispetto al 2016
+29% di contatti netti giornalieri rispetto al 2016
150'000 spettatori medi
38'965 picco di ascolto
3,4% picco di share nazionale uomini 45-64 classe Medio-Alta
0,41% share nazionale (individui 4+) picco di share


Rivivi il meglio di questa edizione nel nostro "Tour de Suisse recap", questa sera alle 21:15.