Tricolori: la carica dei 700

20.06.2017


Per tutti i ciclisti italiani è uno dei weekend più attesi dell'anno. A partire da venerdì mattina, oltre 700 atleti saliranno in sella per inseguire un sogno bianco, rosso e verde: la maglia tricolore 2017. Tra i professionisti, i campioni uscenti per le prove in linea e a cronometro sono Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) e Manuel Quinziato (BMC Racing Team). Tra le donne, Elena Cecchini (Canyon-SRAM Racing) ed Elisa Longo Borghini (Wiggle-High5).


Programma
Venerdì 23 giugno:
Cronometro Paralimpici (Cuorgnè)
Cronometro Juniores Femminile (Volpiano-Caluso)
Cronometro Elite Femminile (Volpiano-Caluso)
Cronometro Professionisti Maschile (Ciriè-Caluso)

Sabato 24 giugno:
Paralimpici Gare in linea (Cuorgnè)
Cronometro Juniores Maschile (Volpiano-Caluso)
Cronometro Allievi Femminile (Foglizzo-Caluso)
Cronometro Allievi Maschile (Foglizzo-Caluso)

Domenica 25 giugno:
Gara in Linea Juniores Femminile (Leinì-Ivrea)
Gara in Linea Elite Femminile (Leinì-Ivrea)
Gara in Linea Professionisti Maschile, GranPiemonte (Asti-Ivrea)


Percorso gara in linea professionisti maschile
GranPiemonte, Asti-Ivrea, 236 Km

Percorso che si divide in tre parti: una prima parte ondulata di avvicinamento da Asti fino a Castellamonte dove si attraversano le colline astigiane e si entra nel Canavese. Si percorrono strade mediamente larghe e si attraversano diversi centri abitati con i comuni ostacoli dell'arredo urbano (rotatorie, spartitraffico, dossi). Dopo Castellamonte si affronta la salita di Castelnuovo Nigra (Moris) che presenta pendenze pedalabili e brevi tratti mediamente ripidi. Segue una discesa impegnativa e veloce fino a Baldissero Canavese che precede un ulteriore tratto ondulato caratterizzato da alcuni brevi strappi prima del primo passaggio sulla linea di arrivo. Si affronta quindi un circuito di 21.3 km da ripetere 4 volte. Il circuito presenta la prima parte in salita su strada di media larghezza, ben pavimentata e piuttosto tortuosa. Gli ultimi 2 km di salita (La Serra) presentano pendenza sempre oltre il 10% con punte del 15%. Dopo lo scollinamento la strada scende con pendenze non elevate (da segnalare due gallerie) per ampi tornanti fino alla statale ss. 26 dove iniziano gli ultimi km pianeggianti.

Ultimi chilometri
Ultimi 7 km prevalentemente rettilinei su strada ampia e ben pavimentata. Negli ultimi 2 chilometri si segnalano alcune svolte cittadine in Ivrea che portano alla retta di arrivo di 130 metri in asfalto di larghezza 7 metri.

I favoriti
Il percorso si presta a diversi tipi di soluzioni, dalla volata ristretta alla fuga all'attacco solitario nel finale, come sempre più difficile. I nomi di riferimento saranno quindi i corridori da classiche, specie quelli dotati del migliore spunto veloce, come Fabio Felline, Sonny Colbrelli, Matteo Trentin, Diego UlissiGianni Moscon, reduce da un'ottima Route du Sud in Francia. Ma il tricolore è una prova che richiede esperienza, quella che possono portare corridori già vincitori o protagonisti nei campionati nazionali come Gianluca Brambilla, Giovanni Visconti ed Enrico Gasparotto. Se la corsa dovesse rivelarsi più dura del previsto, complice il gran caldo, l'attenzione andrà posta anche sui protagonisti del Tour de Suisse Damiano Caruso e Domenico Pozzovivo, ed eventualmente anche alle due vedette dei grandi giri Vincenzo Nibali e Fabio Aru.