Super League Triathlon, prime schermaglie

16.03.2017

Alla vigilia della Super League Triathlon ad Hamilton Island, tutti gli atleti hanno preso confidenza con il percorso, incontrato gli avversari e preso la mira per il primo premio da ben 100'000 $. Nel pomeriggio di ieri, i partecipanti si sono incontrati tutti insieme per la prima volta al briefing tecnico e per l'estrazione dei numeri di partenza. Un ritrovo cordiale pieno di chiacchiere e strette di mano, ma in cui hanno già iniziato a formarsi le alleanze per la corsa. Alistair Brownlee era accompagnato da Richard Varga, suo compagno di allenamenti; Javier Gomez siedeva in mezzo tra il proprio allenatore e Mario Mola. Brownlee e Gomez non si incrociano addirittura dallo scorso giugno, a Leeds, dove fu il britannico ad avere la meglio.

Le posizioni di partenza e nelle transizioni saranno definite dall'ordine di classifica nel secondo e terzo giorno, ma per la tappa di apertura è stato un sorteggio a determinarle. Ogni atleta ha pescato il numero di un avversario e gli ha assegnato la posizione. A causa delle correnti nella baia di Hamilton Island, la posizione più favorevole è ritenuta essere la 24, che gode di maggiore spinta, mentre chi partirà dal posto 1 dovrà combattere duramente contro le correnti. Ma ovviamente anche il nome di chi si avrà affianco sarà fondamentale per la possibilità di sfruttarne la scia.

Senza timori reverenziali, sono stati gli atleti più giovani a cercare di sfavorire gli avversari. Henri Schoeman ha spinto il campione di aquathlon Ben Shaw al posto 3. Siggy Ragnarsson ha voluto complicare la partenza di Gomez all'11, nel mezzo del caos di partenza. Scelta opposta quella di Jorik van Egdom, che ha assegnato un ottimo 21 al bronzo olimpico Henri Schoeman, motivando la scelta con un "mi sento di buon umore". Al posto 1 partirà Dmitri Polyansky (scelta di Kristian Blummenfelt), davanti a Jake Birtwhistle che è stato piazzato da Mola al 2. Altri fenomenali nuotatori come Igor Polyanskiy e Josh Amberger partiranno davanti, ai posti 4 e 6, generando indubbiamente scie favorevoli per chi li seguirà. Il più fortunato del sorteggio è stato proprio l'olimpionico Brownlee, che ha pescato il proprio numero, assegnandosi l'ideale posto 24, al fianco di Varga. Il britannico si è presentato alla Super League senza limitarsi all'aspetto agonistico, il suo intento è di sostenere un grande esperimento come la prova australiana: "Sono diversi anni che cerchiamo di spingere le World Series verso un formato simile a questo. E' diverso tempo che vado sostenendo che il triathlon debba andare più incontro agli spettatori, diversificarsi nelle gare e dedicare maggiore attenzione all'interesse a all'intrattenimento. La Super League Triathlon sta aprendo nuove strade".

Il co-fondatore della Super League Chris McCormack si sta confrontando con gli atleti da giorni e ha trovato un ambiente molto emozionato: "Nessuno di loro ha mai fatto una gara così prima: si parla di come recuperare da un giorno all'altro, di come funzioneranno i vari formati di gara, di dove guadagneranno o perderanno terreno dagli avversari. Sarà una corsa davvero coinvolgente. Per gli appassionati di triathlon sarà qualcosa di mai visto, e per chi non ha mai seguito il triathlon sarà assolutamente epica".


La prova conclusiva della Super League sarà trasmessa live da Bike Channel domenica 19 marzo (prova Eliminator e highlights dei due giorni precedenti). La diretta dall'Australia comincerà alle 07:30 del mattino, e sarà replicata in orari più comodi alle 16 e alle 22.


(testo di superleaguetriathlon.com - foto di Clinton Barter)